Distanze Speciali Campania, Lombardia

Napoli, piscina Scandone, 20-21 ottobre 2012.

Con inconsueto anticipo rispetto ai tempi preventivati, la Scandone apre la nuova stagione master con le Distanze Speciali, ovvero le due più lunghe gare stile. Benaugurale doppietta di inizio annata per Roberta Murano, che vince tra le M50 con 13'56"30 e 25'34"00. Negli 800 del sabato Luciana Morgera è 2^ M65 in 17'11"70. Tra gli M45 Aldo Forquet arriva ad un soffio dal podio con 11'18"20; dietro di lui Massimo Knight (11'30"40), Francesco Galassi (11'44"60) e Francesco Vitobello (12'20"10). Il solo Galaxy torna la domenica per i 1.500, chiusi in 22'49"70.

Cremona, 4 novembre 2012.

Anche quest'anno il debutto stagionale della gloriosa "sezione distaccata" avviene alle Distanze Speciali Lombardia di Cremona. Dopo una memorabile prima stagione in giallorosso, Marco Leone riprende con la consueta autorità: vince gli 800 con 9'30"30. arriva 2° dietro il solo Montini nei 1.500 con 18'15"30: due gare sopra i 945 punti. Incipit stagionale d'eccezione per Giacomo Solfanelli, che per la prima volta in carriera prova la distanza più lunga: è argento M40 con 20'45"80; l'organizzazione prevede che siano i simpaticissimi figlioli di Jack, dotati di cronometro e foglietti di segnalazione, ad indicare i passaggi ai due alfieri della Canottieri. Se qualcuno crede che il giorno dopo sia di riposo, rimarrà deluso: Marco e Jack si ritrovano in piscina più gagliardi di ieri per ripetute sui 100 a 1'20 !

Le ultime gare del 2012

Vimercate, 24 novembre - XXX Trofeo Città di Vimercate. (Vasca da 25) In una delle più antiche manifestazioni master, Marco Leone mette tutti gli stileliberisti con le palle al muro con due prestazioni da 963 e 944 punti: sugli 800 il suo 9'08"16 è il miglior crono stagionale M45, ed anche il 2'04"68 dei 200 vale l'oro per distacco. Meraviglioso primo posto per Giacomo Solfanelli sui 200 sl M40 con 2'13"43; per lui tornare a Vimercate ha un significato particolare, riscoprire le sensazioni provate qui dopo la partenza da Napoli, quei 100 sotto il minuto di qualche anno fa, prima di una impressionante serie di analoghi vertici di eccellenza inanellati nel tempo. Oggi la vittoria era d'obbligo.

Non finisce qui la gloriosa annata del Leone giallorosso: il 18 novembre a Rapallo i 400 sl (4'26"80) gli avevano riservato il gradino più alto del podio; il 2 dicembre a Casale Monferrato chiude in bellezza con 57"89 nei 100 sl, ennesino oro.

Pozzuoli, 24-25 novembre - I Memorial Leone. La vasca da 25 caratterizza questo periodo invernale e consente ai nuotatori di trovare ritmo e saggiare lo stato di preparazione. Nella prima di Monteruscello brilla Francesco Galassi, ormai dedito alla farfalla: vince i 50 M45 in 30"83, arriva secondo sulla doppia distanza in 1'10"13; bronzo in quest'ultima fatica per Maurizio Avallone con 1'18"88; nei 50 stile farà poi 30"84. Insigne specialista della rana, il venerabile Massimo Lombardi comincia la stagione con 2 ori M60 su 50 e 100: 44"45 e 1'39"24 i suoi tempi. Sui 100 lo Zar Pietro Daniele si accontenta, questa volta, della piazza d'onore M50 con 1'25"39; nell'inedito 50 sl chiude in 33"42. Altro protagonista della giornata è Michelengelo Corsaro, oro nei 100 sl M25 in 1'01"80; nei 50 fa 27"83. Sulle distanze più brevi si scorge Mauro Morino, di un  soffio ai piedi del podio M55 con la rana (46"16), più lontano nello stile (35"58). Sui 100 M45 Aldo Forquet segna 1'04"12, Ernesto Ardia 1'11"32. In campo femminile, gara di classe per Claudia Ciardulli nei 100 rana: 1'38"91 significa argento M45. Anche Roberta Murano, tra le M50, è seconda (1'44"29), ma si rifà nei 100 farfalla vincendo in 1'46"59. Doppio successo nella categoria M65 per Luciana Morgera: 2'15"15 nei 100 rana, 53"42 nei 50 stile. Superba come sempre Mariarosaria Vallone, indiscussa dominatrice dei 50 rana M55 con 45"21. Serena D'Ambrosio tocca 4^ M35 nei 50 sl con 35"53. Per finire, la valorosa staffetta 4 x 50 sl M160 conquista un ottimo argento in 1'53"10: i moschettieri sono Francesco Galassi, Michelangelo Corsaro, Maurizio Avallone ed Aldo Forquet.

Rapallo, 19 novembre. XVIV Premio Azzurri d'Italia. (Vasca da 25). Mancava ancora il 400 sl quest'anno al prodigioso Marco Leone, che provvede vincendo l'oro M45 con 4'26"80. Troppo poco l'allenamento per Goffredo Sdrubolini, che lotta da par suo nei 50 dorso (41"39) e nei 50 sl M45 (35"62). A Genova, il 25 novembre (Trofeo GOA master), disputa un ottimo 100 dorso chiuso in 1'30"76 ad un soffio dal terzo posto che conquista, invece, nella doppia distanza con 3'19"52.

Casale, 2 dicembre - I Trofeo Città di Casale Monferrato. (Vasca da 25). Marco Leone sbaraglia la concorrenza e vince i 100 sl M45 in 57"89.

Roma, 8-9 Dicembre IV Memorial Brunelleschi. (Vasca da 25). Si sposta nella Capitale Francesco Galassi per battersi sui 50 delfino, chiusi in 30"97, e sui 100 sl (1'03"21).

Napoli-Barra, 9 dicembre -.IV Trofeo Blue Team. (Vasca da 25). Nell'ultima uscita della stagione Sui 100 sl si fregiano dell'argento Claudia Ciardulli tra le M45 con 1'18"59 e Michelangelo Corsaro, 1'02"90 tra gli M25 prima di registrare 28"31 sulla gara più veloce. La falsa partenza di Massimo Lombardi sui 100 rana era l'unico modo perché non vincesse l'oro. Francesco Galassi si impone nei 50 delfino M45 con 31"63; nei 200 sl arriva terzo in 2'23"95. Poi va a Roma per il IV Memorial Brunelleschi: sui 100 sl fa 1'03"21, sui 50 farfalla 30"97.

IV Trofeo Nuotatori Campani

Portici, 26 e 27 gennaio 2013

Impeccabile come sempre, Enzo Allocco dà fondo a tutte le sue virtù organizzative per programmare nell'accogliente struttura di Portici l'anteprima dei Regionali per i master campani. Per alcuni è una valida prova in vista del più ambito cimento, per altri, dati i carichi di allenamento, un'interessante alternativa. Non si pone dubbi Roberta Murano, che centra 2 ori M50 nei 200 misti con 3'27"91 e nei 50 dorso con 47"50; sembra invece impossibile che Mariarosaria Vallone non esibisca la sua rana divina, ma il risultato è identico: due vittorie M55 nel crawl, declinato su 200 (2'54"62) e 50 (35"65). Anche Claudia Ciardulli divaga con successo, vincendo i 100 misti M45 con 1'32"28. Superata nei 50 rana M65 (59"86 vale l'argento), Luciana Morgera si rifà toccando prima nei 100 sl in 1'56"10. Non teme l'agguerrita concorrenza Massimo Lombardi, ancora principe della rana M60; stavolta, archiviati i 200 con  3'34"80, serve una dose di giusta cattiveria agonistica per aggiudicarsi i 100 in 1'35"64. Campagna impegnativa per lo Zar Pietro Daniele: conquista i 400 misti M50 con 6'17"82 e, poco dopo, non pago, riscende in acqua per imporsi nei 200 rana in 3'10"93; per una volta, la sua attenzione va però altrove, al figlio Bruno, che fu imperioso campione d'Italia juniores ed ora, concorrendo tra gli Under25, illumina la vasca con la sua rana di un altro pianeta: 29"97 e 1'06"20. Lavori forzati anche per l'ottimo Aldo Forquet, velocissimo nei 100 sl M45 (oro in 1'03"91); appena qualche minuto per riprendersi e via per un altro successo, nei 200 misti con 3'03"36. Nella stessa categoria Francesco Galassi è primo nei 100 misti con 1'13"33, secondo nei 200 delfino nonostante il ragguardevole 2'49"50. Due volte bronzo M55 Mauro Morino, nei 100 misti con 1'40"96, nei 50 sl con 34"65. Gian Nicola De Simone arriva secondo nei 200 misti con 2'54"24, terzo nei 50 rana con 38"25. L'evento del giorno in casa giallorossa è però il debutto, ad ottanta anni, di Gennaro Criscuolo, che nuota i 50 rana in 1'05"50, portandosi a casa la medaglia d'oro e la simpatia di tutti i presenti: la giornata è tutta sua.

XXVIII Campionati Regionali Campania

Napoli, Piscina Scandone, 2, 3, 9 e 10 febbraio 2013

Grazie alla tenacia e competenza di Carlo Ferraioli, alacre responsabile master della FIN-Campania, dei suoi predecessori, dei vertici del Comitato, sensibili alle istanze di un movimento sano ed entusiasta, il Campionato Regionale 2013 sarà ricordato dagli appassionati campani come tappa storica: da questa stagione, infatti, la nostra resta l'unica Regione d'Italia ad aver organizzato la sua kermesse annuale sempre e solo in vasca olimpica; motivo di vanto ed orgoglio, nessuna gara si è mai svolta nel ridimensionamento della piscina da 25. La Manifestazione, per il terzo anno, si snoda in due week-end e prevede sei sessioni per coprire tutte le gare del programma.

Day I. L'apertura spetta agli amanti delle lunghe distanze speciali: la prima a scendere in acqua è Roberta Siviero, che vince gli 800 M35 in 13'17"50, nuovo primato sociale (per 13 centesimi !); argento M45 per Ernesto Ardia, stileliberista esperto, in 12'17"30. Nei 200 farfalla Gian Nicola De Simone tocca 1° tra gli M50 con 3'14!15, Giuseppe Monetti si piazza al 3° posto M40 (4'01"56) e si appropria di diritto del premio Stakanov del giorno cimentandosi, pochi minuti dopo, nei 200 dorso: finisce, 2° ed esausto, in 3'37"00. In questa gara non ha rivali tra gli M30 Giuseppe Greco (2'44"33), mentre Luigi Cordova bagna l'ottava annata in giallorosso con la 2^ piazza tra gli M45 in 3'24"29; senza allenamento alcuno, Giovanni De Simone è 3° tra gli M50 in 3'38"64.

Day II. Con i 200 misti Giuseppe Greco riprende da dove aveva finito: il 2'49"08 gli assicura un altro successo M30; l'autorità di Giorgio Sorrentino si afferma con il 3'44"68 con cui capeggia gli M65. Sono diverse le belle storie che si rincorrono: Claudia Cinquegrana, nonostante l'influenza, fa una splendida gara abbassando di ben nove secondi personale e record C.C.N.: 3'18"90, a due decimi dall'oro M40. Torna tra le corsie dopo trent'anni Enrico Bove e sceglie un elettrizzante battesimo del fuoco, 200 misti e 100 sl l'una dietro l'altra: nella prima con 3'17"76 prende il bronzo M50, nella seconda segna 1'12"95. Eguale sfida affronta lo stoico Antonio Gioia, che in allenamento i misti li soffre, ma qui chiude con efficienza in 3'14"46; l'argento M40 sui 100 sl è premio meritato, frutto di un buon 1'10"93. Sfortunato, invece, Gaetano Mastropasqua, squalificato per virata irregolare nel cambio delfino-dorso. E siamo al fascino delle due vasche crawl quando si staglia la figura di Giacomo Solfanelli: anche quest'anno ha fortissimamente voluto partecipare ai Regionali campani, ma non poteva prevedere che il viaggio da Milano sarebbe durato 8 ore, compreso un discreto spavento quando l'aereo non ha potuto atterrare a Capodichino e si è diretto a Bari; attraversando il tavoliere, di notte sulla corriera gli sono passate davanti, in un tempo senza fretta, immagini sospese nella memoria, folgorazioni passate e presenti confluenti in un impegno sacro come l'amicizia, il cui senso, semplice ed elevato assieme, è condensato nello stare assieme in momenti significativi ed unificanti: rivedersi oggi è come rinascere ancora una volta, ritrovare quei gesti cui siamo affezionati e ci danno ancora fiducia nella vita; per inciso, la sua classe si esprime nell'1'01"26 con cui vince l'oro M40. Dario Modonutti, a corto di allenamento, completa un pregevole double giallorosso imponendosi con carattere tra gli M45 in 1'01"30, quasi 900 punti. Ottimi riscontri e personal-best tra gli M25 per Michelangelo Corsaro (1'03"08) e Luca Ferraro (1'04"89), entrambi in continua ascesa. Negli M45 Aldo Forquet, perito velocista, si attesta sull' 1'06"77, lo sprinter Errico Perillo colpisce con un importante 1'08"25. Rientro felice, dopo 7 anni, del colonnello Giovanni Esposito Alaia, ora M55, più ciclista che nuotatore: dopo l'1'53"11, è 4° nei 50 dorso (1'09"93). Romolo Fontanella è il primo a tuffarsi della nuova, promettente generazione di master allevati a Ponticelli dalle cure di Umberto Savarese e Ciro Cardalesi: per lui 1'16"41 nei 100 sl e 43"84 nei 50 rana M25. In campo femminile, si registrano 3 quarti posti: Paola Somma non si fa limitare dall'acciacco al deltoide che la priva del dorso, e completa i 100 sl in 2'07"18 tra le M50; a Chiara D'Ambrosio neppure quest'anno gli impegni di lavoro consentono di gareggiare nella sua diletta rana: per spirito di squadra deve dirottare le attenzioni su 100 sl (1'45"11) e 50 dorso M40 (58"66). La sessione termina appunto con i 50 dorso: Rita Bavaro, una sicurezza, si migliora di nuovo svettando tra le M60 con 53"27; medaglie al collo per Davide De Sanctis, 3° M35 con 37"26, Mauro Morino 2° M55 con 51"36, Achille De Torres 3° M60 con 50"10; il podio lo avrebbe meritato anche Giulio Craus, 5° M45 con 46"02, capace di sfidare infortuni e problemi alla spalla pur di garantire il suo eloquente contributo.

Il turno pomeridiano inizia con due successi giallorossi di marca triathlon nei 400 sl: tra le M35 l'Ingegnere Roberta Siviero raddoppia l'oro del sabato con 6'19"88, Claudia Casola, che fu tra le prime stelle campane della multidisciplina, vince tra le M40 in 6'47"65; sbarazzatasi degli occhialini, va poi a prendersi la corona dei 50 rana (52"60). Giacomo Solfanelli sente addosso stanchezza e pressione, ma nei 400 architetta una strategia di split negativi da autentico asso; le ultime bracciate gli fanno recuperare tanto, fino all'argento M40 con 5'07"97. Maurizio Avallone parte a guerreggiar con l'acqua: il passaggio a 1'13, troppo forte, non gli permette il consueto rush finale e con 5'30"47 guadagna l'argento M45; più tardi, mette a frutto il precedente per i 100 farfalla: avvalendosi di un ritorno più rapido dell'andata, con 1'20"37 si siede al posto d'onore dietro un encomiabile Francesco Galassi, che neppure doveva esserci ed invece sorprende tutti con il suo delfino plastico e potente: 1'14"21. Alessandra Calonaci è sempre perfetta per mentalità ed eleganza di stile: con 42"73 tocca gli 800 punti nei 50 rana e si piazza 2^ tra tutte ma anche nella categoria M35. Non era contento dei suoi 200 misti della mattina Pietro Daniele, 2° M50 con 3'03"60; nulla di più bello, allora, che scrivere, alla sera, una pagina di storia del nuoto master: nella più veloce gara rana, parte nell'ultima batteria affianco al figlio Bruno; quando arriva, prima che al suo 38"66 (altro argento) volge lo sguardo al tempo di Bruno, un formidabile 30"38, appena 5 decimi sopra la qualifica per gli Italiani assoluti. Indimenticabile la prima di Adriano Eliseo, altro gioiello della scuola di Ponticelli; non sente l'emozione ed anzi va sui blocchi carico per esplodere in un tuono da 34"93; il tempo, oro M25, subentra nell'albo Canottieri al crono stabilito da Riccardo Apolloni 19 stagioni or sono: è nata una stella. Sono talmente felici i suoi coach da dimenticare anche le performance personali: Umberto Savarese, mente tecnica sopraffina, per un errore sulle starting-list deve disputare i 50 rana (45"74 tra gli M50); Ciro Cardalesi, tutto grinta ed entusiasmo, svetta nei 100 farfalla M30 con 1'16"90. In quest'ultima tenzone Luciano Caputo scioglie un antico voto e finisce in 1'38"51, 3° M40. Appena terminata la partita di pallanuoto della Megaride Raffaele Simeoli si proietta alla Scandone per i 50 rana: 44"01 tra gli M25; con lui, la gioia di vedere pronti sulle scalee della piscina di Fuorigrotta Giuseppe Russo (45"42 tra gli M40) e Antonio Giasi (52"78 tra gli M45), il cui prezioso apporto trascende ogni riscontro cronometrico. L'applauso della folla è il giusto tributo che accompagna il nostro fenomenale M80 Gennaro Criscuolo, oro nei 50 rana con 1'05"25.

Day III. Arriva da Milano con la Freccia Rossa per illuminare i Regionali della Campania: Marco Leone va come un treno sui 1.500, firmando il miglior risultato della Manifestazione, 18'13"40 (947 punti), tra la generale ammirazione e l'orgoglio dei compagni di squadra. Dedito quest'anno alle distanze speciali, Ernesto Ardia, dopo aver disputato gli 800, arriva ottimo 2° M45 alle spalle del Leone con 23'08"70; per Francesco Vitobello le distanze divengono .... eccezionali: per un errore dei giudici, finisce per nuotare 1.700 metri, e magari sarà stato il primo atleta cui è stata inflitta questa lunghezza in vasca ! Né le fatiche di Sisifo terminano qui: a stretto giro sperimenta i 200 rana; giusta ricompensa l'argento M45 (3'56"33). Neppure Serena D'Ambrosio è molto fortunata nella gara più lunga: si scontra col collega di corsia, ma ciononostante tocca prima M35 in 26'14"60. Dominio tra le M65 per Luciana Morgera, tutta coraggio e costanza: 33'18"40. Le ragazze giallorosse registrano due meravigliose vittorie nei 400 misti, gara per eccellenza, entrambe con personale e record sociale: tra le M40 Claudia Cinquegrana abbatte il muro dei 7' con 6'59"22, tra le M50 Roberta Murano scende a 7'34"34. Nei 200 rana M45 la doppietta dei cugini De Simone ha il sapore di tempi andati, quando i due praticavano assiduamente la rana: Giovanni De Simone è argento in 3'31"54, Gian Nicola De Simone fa 3'16"00.

Day IV. La domenica decisiva si apre con i trionfi al femminile del C.C.N. sui 200 sl. Nient'altro che oro per Luciana Morgera, 4'00"35 tra le M65, Roberta Murano, 3'07"61 tra le M50, Claudia Ciardulli, 2'51"97 tra le M45, Valentina Sanfelice, 2'58"28 tra le M40. L'apoteosi della mattina si ha con l'ultima batteria maschile, in cui torna ad esibirsi Marco Leone, primissimo "erga omnes" in 2'09"45; capeggia una classifica M45 che vede subito a seguire altri 3 storici alfieri della Canottieri: Dario Modonutti, competitivo ai massimi livelli pur senza allenamento, con 2'17"73, quindi il valente Aldo Forquet (2'26"21) e Massimo Knight (2'42"05). Quest'ultimo si piazza 3° nei 100 dorso con 1'34"50, dove trova ancora un compagno di squadra a precederlo: Luigi Cordova incamera la 2^ medaglia dei Regionali con 1'31"43. Ritorniamo ai 200 sl, in cui Gaetano Mastropasqua riscatta la squalifica dei misti ed arpiona l'argento M50 in 2'55"88; le qualità di Giacomo Vinci, leggenda del Triathlon napoletano, lo spingono all'argento M40 in 2'29"50; nei 50 sl si attesterà sui 31"02; bronzo M30 per il tenace Ciro Cardalesi con  2'30"26. Di poco fuori dal podio Ugo Bozzo negli M40 con 2'43"61 e Bruno Velonà, 2'46"12 tra gli M35, che nei 50 sl farà poi 32"55. Nei 100 dorso Davide De Sanctis si impone con autorità tra gli M35 in 1'24"47, il grande Nando Lignano fa il vuoto nella sua nuova categoria (M65) con 1'48"29; alla sera raddoppierà nei 50 sl con 36"04. Si scopre dorsista Annibale Bovenzi, reduce da un grave infortunio velico, e capace non solo di riprendere il nuoto ad ottimi standard, ma anche di vincere tra gli M50 in 1'36"58; anche lui riscende in acqua nella velocità crawl, ma problemi in partenza gli inibiscono il podio pur con 31"79. Quando si parla di dorso non si può che esaltare Achille De Torres, che di Regionali ne ha disputati 19: tra gli M60 è 2° in 2'03"44. Menzione d'onore per Antonio Stozzetti, canottiere insigne (terzo agli italiani 2012 nel "4 con"), che non lascia gli amici senza il suo commendevole contributo: si tuffa tra gli M30 in 200 sl (3'14"05) e 100 dorso (1'42"92). La mattinata si chiude con i 100 rana. Immediata conferma per Adriano Eliseo, argento M25 in 1'22"40, nuovo record sociale; bravo Luca Ferraro, 1'27"23. Nella specialità, "Il Principe" è Massimo Lombardi, all'ennesima accoppiata vincente tra gli M60, qui con 1'41"25; non finisce di stupire Gennaro Criscuolo, cavaliere degli M80, che chiude in 2'38"00.

La larga macchia giallorossa della squadra di Triathlon connota il pomeriggio alla Scandone. Intanto, nei 50 delfino, i titoli di testa vanno di ufficio ad Alessandra Calonaci: stravince tra le M35 in 35"84 ed ora può vantarsi di possedere un record Canottieri in stile, rana, misti e farfalla. Valentina Sanfelice si migliora di 4' per appropriarsi del bronzo M40 in 40"58. Vittoria di rilievo per Francesco Galassi, 31"39 negli M45, categoria in cui il potente sprint di Alessandro Fattore vale la 2^ piazza in 33"51; a conferma della forma raggiunta, nei 50 sl sfiora il podio con 30"60.

Come tradizione, l'epilogo è riservato proprio ai 50 sl. Rita Bavaro regola con sicurezza le M60 in 44"19. In una batteria combattutissima, argenti e personali per Claudia Ciardulli, 35"06 tra le M45 con un calcio all'influenza, e Serena D'Ambrosio 34"77 tra le M35. Non smette di migliorarsi Michelangelo Corsaro, 3° M25 in 27"74; eguale metallo per l'indomito Mauro Morino, 34"45 negli M55. Debutto con medaglia d'argento M65 per Sergio Mililotti (37"83), che ci introduce ai successi dei grandi veterani: Francesco Maddalena vince l'oro M75 con 37"64, l'illustre Fofò Buonocore, stavolta, è argento M80 in 43"24. Tra gli M45 forniscono al gruppo il loro consistente apporto i valorosi combattenti Marcello Esposito e Francesco Scivicco, ambedue completamente a secco di allenamento: il primo conclude i due 50 con 32"01 e 36"82, l'altro mette a referto un significativo 30"92 nella velocità stile. Negli M40 fa il suo esordio Carmine Maddaloni (44"55), mentre  Marco Peluso registra 31"77 tra gli M35, Giulio Craus 32"88 negli M45, in cui ricordiamo il gradito, atteso rientro di Enzo Casizzone, 32"47 dopo il 37"72 nel delfino. Tra gli M50 Umberto Savarese sigla 31"94, Vittorio De Silva 34"16. Diversi triathleti sono iscritti alle due gare veloci del pomeriggio: tra gli M30 il forte Gennaro Lamberti segna 28"67 a stile e 31"52 a delfino, Mariano Barile 33"52 e 38"75; tra gli M35, Massimiliano Amoroso scrive 30"84 (4° posto) e 37"02, David Cilento 30"86 e 37"84, Giovanni Laiso 34"74 e 45"00.

Nella classifica finale, il Circolo Canottieri si piazza saldamente al posto d'onore, confermando così il risultato dell'anno scorso; Il Gabbiano si aggiudica il titolo regionale per il ventesimo anno di seguito.

- Classifica: Il Gabbiano 133.648, C.C.N. 93.808, San Mauro 50.211, N. Campani 48.769, S. Flegreo 46.968. (Classifica provvisoria dopo il primo weekend: Il Gabbiano 57.143, C.C.N. 34.020, San Mauro 26.450, Flegreo 23.099, N. Campani 22.755).

 

Roma, 20 gennaio - XVI Trofeo Forum sprint. (Vasca da 25). Nella spietata concorrenza, Francesco Galassi giunge 5° (su 41) sui 50 delfino M45 con 31"15, poi segna 28"09 sui 50 stile (67 gli avversari).

Gussago, 26 gennaio - XVII Trofeo Città di Gussago. (Vasca da 25). Ancora un primo posto nei 100 sl M45 per Marco Leone, che qui chiude con 58"02, 

Brescia, 2 marzo - XXVIII Brixia fidelis. E' qui solo per riprovare gli 800 sl Giacomo Solfanelli ed onora l'impegno con un brillante argento M40 in 10'43"89.

Barra, 3 marzo - II Meeting Campania Nuota. (Vasca da 25). Ancora una bracciata nella storia per Roberta Murano, la prima donna del CCN a districarsi nei 200 farfalla; vince tra le M50 con 3'55"25; per rilassarsi, nei 50 è oro in 47"03. Nella stessa fatica Ciro Cardalesi si impone tra gli M30 in 2'53"55; poi, per defaticare, fa 41"27 sui 50 rana. Sui 50 sl Giorgio Sorrentino è argento M65 in 32"67.

Tortona, 10 marzo - Regionali Piemonte. Un grande Giacomo Solfanelli va a vincere i Regionali del Piemonte nella gara principe, i 100 sl M40 con 58"97; nei 400 sl sigla 4'48"55.

Battipaglia 17 marzo - VII Trofeo master Balnaea (Vasca da 25). Non va per il sottile Roberta Murano, che nella rincorsa all'Ironmaster travolge le avversarie su 100 misti (1'36"73) e stile M50 (1'22"70). Sui 100 misti Ciro Cardalesi conquista l'argento M30 con 1'16"49, e ripete la stessa posizione sui 100 dorso con 1'20"44; Umberto Savarese è bronzo M50 sui 100 misti con 1'23"97, e chiude in 1'13"00 i 100 sl. In questa gara, la folta categoria M45 è appannaggio di Francesco Galassi grazie all'1'02"88 con cui precede Aldo Forquet (1'04"74); il duello si ripete nei 200 sl, in cui Galassi è bronzo in 2'18"99 davanti al compagno di squadra (2'22"79). Michelangelo Corsaro con 1'00"64 tocca 2° M25; nei 50 delfino segna 30"84. Primo podio per Romolo Fontanella, 3° sui 100 dorso M25 con 1'39"62; sui 50 sl fa 33"79.

Roma, 23-24 marzo - VI Trofeo Nantes Ostiensis. (Vasca da 25). Tutti punteggi ampia,mente sopra gli 800 per i giallorossi nella veloce piscina romana. Francesco Galassi è bronzo sui 100 farfalla M45 con 1'08"82, quindi fa 30"85 sui 50; in questa gara sfiora il podio M40 Giacomo Solfanelli con 31"35; quest'ultimo tocca in 2'11"68 nei 200 sl, mentre Aldo Forquet chiude 100 e 200 stile in 1'03"13 e 2'20"14.

Barra, 7 aprile - Meeting Nuoto Napoli. (Vasca da 25). Roberta Murano guadagna due argenti M50 nei 400 sl in 6'18"82, nei 50 rama in 48"93; eguale sorte attende Aldo Forquet sui 100 (1'04"64) e sui 400 stile M45 (5'09"24). Vince Luciana Morgera tra le M65 nei 400 sl in 8'22"15, nei 50 rana in 1'01"33, Successo di Giorgio Sorrentino nei 400 stile M65 con 6'40"48.  Nei 100 rana consueto predominio dello Zar Pietro Daniele, oro M50 in 1'25"81; sui 50 sl arriva 2° in 33"05. IN questa gara, ottimo tempo per Francesco Maddalena che vince tra gli M75 in 38"00. Doppio successo nelle M75 anche per Elena Capozzi, sui 50 dorso in 1'15"13, sui 50 rana in 1'56"30.

Cantù, 21 aprile - III Trofeo M. Lottaroli. (Vasca da 25). Bel posto d'onore per Giacomo Solfanelli nei 200 sl M40 con 2'12"73; i 50 delfino sono per divertimento (32"70).

Giugjliano, 28 aprile - I Trofeo Swim4life. (Vasca da 25). Mariarosaria Vallone domina la sua rana vincendo i 50 tra le M55 44"33. Ancora nella rana Claudia Ciardulli è 2^ nei 100 con 1'36"08, 3^ nei 50 in 43"74.  Roberta Murano si confronta con i 200 dorso che la vedono 1^M50 in 3'31"89; poi nei 50 sl è argento in 38"82. Pietro Daniele si aggiudica i 200 misti M50 in 2'59"72, però stavolta sui 50 rana fa solo 38"44 ed è 2°. Due argenti nel delfino per Francesco Galassi, sui 50 con 30'"34, sui 100 con 1'07"47. Mauro Morino coglie l'argento sui 50 sl M55 con 35"40, il bronzo nei 50 rana con 46"75. L'ottimo Dario Modonutti arriva 2° M45 nei 100 sl in 1'00"14, 3° nei 50 in 27"33 davanti ad Aldo Forquet (29"28); quest'ultimo prende il 3° posto nei 400 sl con 5'13"51. Michelangelo Corsaro tocca in 1'00"78 nei 100 sl M25, in 27"69 nella gara più breve. La staffetta veloce maschile M160 riporta il bronzo con un interessante 1'50"02.

Napoli, 8-9 giugno - V Trofeo Il Gabbiano. Prima tra le donne giallorosse, Roberta Murano completa l'ironmaster con un oro nei 100 dorso (1'43"51) ed un argento nei 200 rana M50 (3'54"42). Un oro ed un argento nella rana per Claudia Ciardulli, rispettivamente nei nei 50 M45 con 45"27 e nei 100 con 1'39"68. Rilevanti successi per Michelangelo Corsaro sui 100 sl M25 in 1'02"77, e, soprattutto, per i veterani nei 50 stile: Giorgio Sorrentino vince tra gli M65 in 32"67, Francesco Maddalena tra gli M75 in 38"52; peccato solo per la squalifica del grande Fofò Buonocore, che ha impedito la tripletta crawl; ma ci ha pensato Gennaro Criscuolo a rimettere le cose in ordine, prendendo l'oro nei 50 rana M80 in 1'08"02. Adriano Eliseo, pur senza salire sul podio, mette il record sociale nei 200 rana M25 con 3'08"75, poi è argento nei 50 rana in 35"75. Eguale metallo per Gioconda  De Luca nei 1.500 sl M40 con 27'49"30, Achille De Torres nei 50 dorso M60 in 49"33 e Ciro Cardalesi nei 1.500 M30 con 22'00"20; questi nei 200 sl è 4° in 2'28"63. Francesco Galassii tocca 3° nei 50 rana M45 con 39"32, 2° nei 50 dorso con 37"06, gara in cui sfiorano il podio Alfredo Palombo Pandolfo (40"16) e Luigi Cordova (41"09); il primo raggiunge il 2° posto  nei 100 dorso M45 (1'33"34), l'altro fa 40"70 sui 50 delfino. Romolo Fontanella chiude i 50 sl M25 in 32"59, Vittorio De Silva in 33"90 tra gli M50; nella gara veloce rana segna 45"92.

XXX Campionato Italiano di nuoto master

Trieste, 2-7 luglio 2013

Pochi ma eccellenti i giallorossi ai Campionati nazionali di nuoto master che arrivano alla fatidica edizione numero trenta. Sono tutti impegnati il 7 luglio nella  competizione più veloce, i 50 stile. Francesco Maddalena tocca secondo M75 in 37"59 ad un solo decimo dal vincitore, Fofò Buonocore è bronzo M80 in 44"69; negli M65 Giorgio Sorrentino arriva 3° in 32"02, 4° Nando Lignano in 34"41. Il gruppo di irriducibili veterani forma la staffetta M280 che sale sul terzo gradino del podio con 2'28"82; da rilevare che Fofò con 43"20 migliora il tempo della mattina, e che, col 37"20 in secondo frazione, Francesco Maddalena avrebbe vinto la gara individuale.

 

Gare in acque libere

- Bacoli, 08.06.2013. III Miglio marino di Torregaveta.

Non poteva mancare all'apertura della stagione in acque libere Massimo Knight, che arriva 2° master ed M45 in 21'26"2

- Vietri, 15.06.2013. Le prime perle della costiera, XIV Edizione, 2,8 km.

In campo femminile, successo per Claudia Ciardulli tra le M45 con 47'34"9; Serena D'Ambrosio è argento M35 in 51'44"1. Grande lotta nella categoria più affollata, gli M45 (30 partecipanti): Massimo Knight, bronzo con 41'54"9, precede Francesco Galassi (43'03"5), Enzo Casizzone (43'44"7), Ernesto Ardia (45'31) e Francesco Vitobello (46'04). Antonio Gioia arriva 3° M40 in 45'24"3. Luca Giosi chiude in 48'04"5 tra gli M35, Ciro Cardalesi in 48'43"2 tra gli M30, Fulvio Cianciaruso in 1h10'23"9 tra gli M50.

- Amalfi, 22.06.2013. XI Traversata Minori-Amalfi, 3 km.

Claudia Ciardulli si conferma leader delle M45 vincendo in 45'35"8; ancora bronzo per Serena D'Ambrosio tra le M35 in 49'10"6. Nella consueta tonnara degli M45 Massimo Knight arriva 3° in 39'07"6 davanti ad Aldo Forquet (38'24) ed Enzo Casizzone (40'48); in questa categoria Francesco Galassi completa il percorso in 41'24"2, Ernesto Ardia in  41'27"8. Antonio Gioia sfiora il podio tra gli M40 con 43'00"1, Bruno Velonà tra gli M35 con 43'25"4.

- Castellabate, 30.06.2013. VI Traversata del Golfo di Castellabate, 5 km.

Ancora una volta Massimo Knight è 2° master assoluto ma anche tra gli M45, in 1h28'08; bronzo di categoria per Alessandro Fattore in 1h42'08. Vince tra gli M25 Luca Ferraro in 1h42'02.

- Forio d'Ischia, 14.07.2013. I Regno di Nettuno nuota, 3 km.

Ancora Claudia Ciardulli si impone tra le M45 in 45'28"1. Tra gli M45 Aldo Forquet tocca 4° in 38'25"8 subito prima di Enzo Casizzone (38'35"9), Massimo Knight (38'44"6)ed Ernesto Ardia 39'59"8. Ottimo argento per Antonio Gioia tra gli M40 in 42'02"5; poco dopo Massimiliano Riso in 47'47"9. Marco Peluso tra gli M35 segna49'20"8.

- Castellabate, 20.07.2013. VI Ed. Punta Tresino nuota, 3 km.

C'è Fulvio Cianciaruso nell'ultima tappa campana prima della pausa estiva: giunge 4° M50 in 1h08"15.

- Vivara, 24 luglio. Sul motoscafo di Francesco Vitobello, eccezionale anfitrione, si arriva a gettare l'ancora tra Procida e Vivara. Da un'amena gita con puntata alla Chiaiolella si passa subito ad un allenamento di squadra, quindi (idea controvertibile) al periplo dell'isolotto di Vivara. Tutto facile all'inizio, poi, voltata la punta, sul fronte di Ischia il mare si increspa, si alza e sbatte sugli scogli; un disastro ! Completano il giro (2,5km) Massimo Knight, Aldo Forquet, Enzo Casizzone, Ernesto Ardia, Gian Nicola De Simone, Antonio Gioia, Francesco Vitobello, Ilaria Leonardis. Fortuna che, a bordo, il provvido Stauro aveva messo a cuocere pasta con ogni prelibatezza del golfo ...

 

Capitolo a parte, come sempre, merita Marco Leone. L'impresa dell'anno è il successo nella  nella Granfondo del Naviglio, 21 km da Abbiategrasso alla Darsena, rievocazione di una gara che nacque nel 1895: televisioni e giornali intervistano il primo a tagliare il traguardo, proprio lui, il nostro invincibile Marco Leone, che chiude la fatica in 2h50"02. Non possiamo tacere l'orgoglio di leggere, sotto il suo nome, campeggiare la scritta Circolo Canottieri Napoli.

Poi, ad agosto, la tre giorni vincente di Marco Leone inizia il 3 a Taormina col I Trofeo Mayday Italia: percorre i 2,5 km in 28'15; il giorno dopo si porta a Villa San Giovanni per  la XLIX Traversata dello Stretto, 5.2km percorsi in 53'28; il 5 agosto, stessa spiaggia stessa distanza, si aggiudica il XVII Memorial Nino Sofi in 46'56.